Elenco Tornei
Storico Tornei
InterAziendale 2016/17
Open 2016/17
Dati Torneo
 Riepilogo
 Calendario
 Classifica
 Marcatori
 Disciplina
 Fair-Play
 Squadre
 Qualificate
 Comunicati
 Il Punto
 Regolam. e Formula
 Campi
 Premiazioni
 Statistiche
 Best Player
 Video
 Area Riservata
Convenzioni
No banner in farm
Informazioni
 Chi Siamo
 Contattaci
 In caso d'infortunio
 Arbitri MSP
 Smartphone
 Convenzioni
 Modelli Vari
 Previsioni Meteo
 Archivio Pagine
Cerca
MARACANA' INTERAZIENDALE 2016/17 CRONACA
Giornata Data Ora Campo Squadre Ris. Opzioni
2a Divisione
4a giornata

       
MAR 07/02/2017 19:00 DonBosco-A  Cral CTM
Congera Mirko
Maiello Gennaro
gioco scorretto Congera Mirko
gioco scorretto Corona Franco
proteste Orrù Alessio
-  Sirti
Perra Marco
gioco scorretto Cossu Pietro
proteste Cubeddu Fabio
gioco scorretto Spaziani Daniele
2 - 2
Apri in PDF     
CRONACA DELLA PARTITA - [472 view]
Maurizio
07/02/2017
23:09

5.643 batt.

Pari Sirti in zona Cesarini

CTM spreca il doppio vantaggio




Finisce con il pari in extremis di Sirti una gara aspra e combattuta per tutti i 50 minuti, con le due squadre che si affrontano senza esclusioni di colpi dando vita ad un incontro ricco di episodi, punti di cronaca e scontri in mezzo al campo che fruttano 3 ammoniti per parte.
Il risultato lascia sicuramente l’amaro in bocca al CTM, che nei minuto finali spreca due goal di vantaggio, merito anche di una mai doma Sirti, che nel momento più difficile sfodera grinta e carattere che gli permettono di agguantare gli avversari in piena zona Cesarini.
La gara conferma i progressi delle due compagini, che sembrano aver cambiato passo e trovato maggior equilibrio con il nuovo anno.
 
Problemi di formazione per Sirti, che in attesa dell’arrivo dei ritardatari si sistema in campo con soli 6 effettivi e senza portiere di ruolo, con Fabio Cubeddu prende posto tra i pali.
Nei 3 minuti che precedono l’ingresso in campo di Luca Carcangiu, Cubeddu si esibisce in due pregevoli interventi, entrambi su Corona, con l’improvvisato estremo di Sirti bravo a salvarsi sulle conclusioni di destro dell’attaccante avversario.
La parità numerica in campo non cambia, almeno inizialmente, l’inerzia della gara, ed al 6° Barcella si libera al limite di un avversario e poi scarica una violento destro sul quale Carcangiu è bravissimo a respingere a lato.
Sirti si affaccia dalle parti della porta avversaria intorno al 9°, prima con Spaziani e poi con Di Leva, con il pallone che in entrambe le circostanze esce di pochissimo a lato.
Al 12° Spaziani incrocia un bel sinistro dal limite sul quale Garau si esibisce in una respinta di piede non certamente bella di stile ma sicuramente efficace.
La respinta di piede è un marchio di fabbrica di Garau, che usa lo stesso metodo per respingere al 15° un altro sinistro, questa volta scoccato dal vertice destro dell’area, sempre del solito Speziani.
 
Ad inizio ripresa  Sirti usufruisce di una punizione dal limite, con la palla defilata sulla destra rispetto alla porta di Garau; Marco Perra calcia direttamente in porta con un destro che aggira la barriera e si stampa sulla base del palo alla sinistra di Garau.
Al 5° Congera avanza di forza centralmente in pieno stile rugbystico, e complice anche una deviazione avversaria fa esplodere un destro che esalta i riflessi di Carcangiu, bravissimo ad alzare la sfera in angolo.
Lo stesso Congera, un minuto dopo, entra in area dalla destra ed incrocia un rasoterra sul quale ancora una volta Carcangiu è bravissimo a respingere, questa volta di piede, la sfera.
Congera ci prova per la terza volta all’8°, e questa volta è quella buona, perché dopo essere entrato in area sulla sinistra resiste alla carica di un avversario e con il mancino non lascia scampo a Carcangiu: 1 a 0
Al 10° Sirti usufruisce di una di un altra punizione dal limite, con la palla defilata sulla sempre sulla destra rispetto alla porta di Garau, con Marco Perra che calcia ancora una vota con un destro che aggira la barriera ma non sorprende Garau, che questa volta si sposta prima e riesce in allungo a girare la sfera in angolo.
Al 14° Carcangiu deve volare per deviare in angolo il destro dal limite di Sarritzu.
Al 16° è CTM ad usufruire di una punizione dal limite, con la palla posizionata centralmente rispetto alla porta di Carcangiu: Corona scarica un destro che si infrange sula barriera, che accomoda però il pallone tra i piedi di Maiello, che di destro anticipa tutti ed insacca: 2 a 0
Sirti non ci sta, ed al 18° riapre la gara grazie a Marco Perra, che infila Garau con un diagonale di destro dalla distanza: 2 a 1
Al 20° Marco Perra ci riprova, sempre con un destro dal limite, che esce di un soffio a lato.
Al 23° Cubeddu anticipa tutti su un angolo dalla destra battuto da Speziani, ma l’incornata è bella quanto sfortunata, visto che il pallone esce di un soffio a lato.
Trenta secondi prima dello scadere Marco Perra esplode un destro dalla grandissima distanza per il più classico dei tiri della disperazione, e la palla si infila in una selva di gambe e finisce per ingannare Garau, che vede all’ultimo il pallone e non riesce più ad intervenire: 2 a 2
 

Tra le fila di Sirti ottima la prova del solito Marco Perra, che arriva tardi, entra in campo solo nella ripresa ma ha modo di incidere in maniera decisiva sul risultato con una bella doppietta.
Bene al solito anche la prova di Matteo Perra, terminale offensivo spesso pericoloso tutte le volte che cerca la porta avversaria.
Ottima gara di Cossu, preciso, sicuro ed autoritario negli interventi a protezione della propria porta.
Buonissima gara anche di Fabio Cubeddu, che si esalta da portiere e poi è sempre un problema per gli avversari in avanti.
 
Tra le fila di CTM bene Garu, poco stile ma tanta sostanza tra i pali, tra i quali sfodera alcuni interventi davvero pregevoli.
Ottima gara di  Alessio Orrù, solita quantità e qualità in tutte le zone del campo.
Buonissima gara anche di Maiello, una partita con tante belle iniziative premiata da una rete molto importante.
Tra tutti spicca oggi la prova di Congera , che soprattutto nella ripresa spacca in due gli avversari con accelerazioni quasi impossibili da contenere, che propiziano un goal tra tanti falliti per pochissimo.
Per questo va a lui la coppa di Uomo Alan della gara odierna.
©2004-2019 Alberto Tiddia - Riproduzione vietata.