Elenco Tornei
Storico Tornei
InterAziendale 2016/17
Open 2016/17
Dati Torneo
 Riepilogo
 Calendario
 Classifica
 Marcatori
 Disciplina
 Fair-Play
 Squadre
 Qualificate
 Comunicati
 Il Punto
 Regolam. e Formula
 Campi
 Premiazioni
 Statistiche
 Best Player
 Video
 Area Riservata
Convenzioni
No banner in farm
Informazioni
 Chi Siamo
 Contattaci
 In caso d'infortunio
 Arbitri MSP
 Smartphone
 Convenzioni
 Modelli Vari
 Previsioni Meteo
 Archivio Pagine
Cerca
MARACANA' 2006/07 CRONACA
Giornata Data Ora Campo Squadre Ris. Opzioni
Girone Unico
Finale 1-2 posto

       
MAR 22/05/2007 19:00 Newton Team Mossa
Seidita Massimiliano
- Tiscali Int.Net.
Arca Luca
1 - 1
(4-3 ai rigori)
Apri in PDF       
CRONACA DELLA PARTITA - [2931 view]
Angelo
22/05/2007
08:13

8.849 batt.
Tiscali tinet – Team Mossa 
Finale torneo Maracanà 2006/07
Dirige l’incontro l’arbitro Marco Diana da Cagliari.

Splendida cornice offerta da un numeroso pubblico accorso a vedere la finale di questa edizione che mette di fronte gli sconfitti della prima finale del Maracanà ( fuori ai rigori contro Vodafone nel Maggio 2005) e quelli che hanno perso quella dell’ultima edizione contro il Nas Bridgestone. Una squadra comunque vada, avrà oggi la sua rivincita e potrà alzare la coppa al cielo e, altra cosa che li accomuna, finalmente dedicarla a colui ( Davide o Gigi che sia) che li osserva, speriamo divertito, da la su.

Scendono in campo:
Per Team Mossa
Piga – Dessì – Brunu – Deiana – Argiolas – Seidita.
Per Tiscali tinet:
Corda – Vacca – Solina – Arca – Castaldo – Pireddu – Ciancilla.


Cronaca:
4’ Il primo vero tiro in porta della gara, arriva da Argiolas da notevole distanza, la conclusione è centrale e Corda blocca con sicurezza.
Contemporaneamente esce dal campo Ciancilla vittima probabilmente di una contrattura al polpaccio destro.
6’ Ci prova ancora Team Mossa stavolta con Oliva, il suo destro da fuori è leggermente deviato da Solina e dopo aver causato qualche brivido nelle schiene avversarie esce di mezzo metro lontana dal palo alla sinistra di Corda. Sull’angolo battuto da Oliva, Brunu stacca alla perfezione ma Corda ben piazzato, seppur in 2 tempi, blocca la sfera.
8’ Pireddu, cerca di alleggerire una certa pressione di T.M. con un azione di contropiede conclusa con un destro appena alto sulla traversa.
9’ Un’ improvviso destro di Castaldo da posizione molto angolata è messo sopra la traversa da un attento Piga.
10’ Stilisticamente pregevole un tentativo in area di Seidita che in acrobazia indirizza nella porta avversaria, Solina si oppone col corpo e mette in angolo.
14’ Azione insistita degli avanti celeste con destro di Firinu dal limite respinto dal muro difensivo e conclusione finale di Seidita con destro a girare un metro sopra la traversa.
17’ Ancora Seidita che tiene in apprensione in centrali di Tinet, stavolta salta il suo diretto avversario poi si accentra ma conclude ancora una volta alto sopra l’incrocio.
20’ Arca cerca la conclusione dalla lunghissima distanza, ma gli viene troppo centrale e Piga, seppur poco impegnato, è molto attento e blocca con sicurezza.
22’ Angolo battuto da Firinu, è ancora Brunu a staccare più in alto, stavolta la mette di poco sopra la traversa.
23’ Bella palla messa dentro da Paolantoni dalla destra, immediato il tocco di Firinu e decisivo intervento di Corda che blocca a terra.
25’ Seidita, leggermente defilato sulla sinistra riceve palla e indirizza prontamente nella porta avversaria, è molto reattivo Corda che gli chiude prontamente lo specchio col corpo e devia.

Ripresa:
Dopo un primo tempo in cui ha sofferto sopratutto in attacco, dove non è riuscita ad impensierire seriamente Piga, Tinet prova a far rientrare il claudicante Ciancilla e Team Mossa effettua il programmato cambio del portiere, fuori l’ottimo Piga, dentro Cocorda.
2’ Podini riceve in area solo leggermente defilato sulla sinistra, il suo controllo è ottimo e il suo destro immediato, sembra goal ma la palla va a sbattere contro il primo palo, quasi all’incrocio.
4’ Insiste T.M. con Argiolas che dopo veloce contropiede, mette leggermente a lato con un secco destro dal limite.
7’ Buona occasione su angolo, ma Seidita e Podini sprecano ostacolandosi a vicenda da ottima posizione.
8’ Si fa vedere Ciacilla, isolato in avanti, entra in area ma da posizione troppo angolata trova solo l’esterno della rete.
9’ Secondo palo per la formazione di Team Mossa, lo coglie Oliva dal vertice sinistro dell’area, con un violento destro su cui che nulla avrebbe potuto.
10’ Punizione di Arca dai 20m su cui Cocorda non rischia la presa e mette sopra la traversa.
14’ Ciancilla riesce a mettere in rete ma l’azione è ferma per un suo precedente fallo su Brunu.
18’ Ottimo scambio in velocità fra Seidita e Oliva che va alla conclusione in area, tempestivo intervento di Solina che mette in angolo.
19’ Si fa sempre più pressante l’azione di T. M. Seidita serve Oliva al limite, Corda blocca in 2 tempi la conclusione del forte centrocampista avversario, e si ripete un minuto dopo su Bianto Bovo anch’essi dal limite dell’area.
21’ Seidita cerca di incunearsi in area, al limite lo blocca fallosamente Solina ( ammonito per questo fallo). La punizione viene affidata a Seidita che anche grazie ad un velo di Firinu cerca e trova l’angolo sinistro a fil di palo su cui Corda non può arrivare 1-0.
22’ Seidita ha l’occasione in contropiede di chiudere la partita, salta bene il suo diretto avversario poi appena entrato in area incrocia col sinistro ma coglie un clamoroso palo ( il terzo per T.M.) che lascia a Tiscali tinet ancora qualche minuto di speranza.
23’ E’ ancora Corda che deve salvare la sua squadra dalla capitolazione uscendo alla disperata sui piedi di Oliva e neutralizzando.
25’ Arca trova uno spiraglio al centro, vi si incunea e appena trova il tempo spara un destro violento ed angolato, che Cocorda vede partire troppo tardi e su cui non può nulla 1-1.

Si va ai rigori, dopo i tempi regolamentari, sul risultato di 1-1. Decideranno ora Corda e Cocorda ( non è uno scioglilingua ma sono i 2 portieri). 

Deiana ( T.M.) – Goal

La palla si infila sulla destra di Corda che intuisce ma non ci arriva.

Arca ( Tinet) – Goal
Palla angolata e violenta nell’angolo alla destra di Cocorda.

Firinu ( il bello di T.M.) - Fuori
Lunga rincorsa ma palla che si impenna e finisce alta sopra la traversa.

Ciancilla (Tinet) – Goal
Sinistro angolato sempre alla destra di Cocorda.

Seidita (T.M.) Goal
Palla sotto l’incrocio alla sinistra di Corda immobile.

Castaldo ( Tinet) Fuori
Lunghissima la rincorsa di Castaldo e palla colpita troppo sotto che finisce alta sopra la traversa. 

Bianto Bovo (T.M.) Goal

Destro violento e rasoterra che Corda arriva a sfiorare ma non riesce a bloccare.

Catalano (Tinet) Parato
Palla angolata ma non abbastanza che Cocorda intuisce e blocca scatenando il tripudio dei suoi compagni.

4-3 Dopo i rigori, questo è il verdetto, duro da accettare sopratutto per chi perde una finale per la seconda volta consecutiva. Onestamente bisogna però dire che Team Mossa aveva fatto qualcosa in più durante la gara, creando numerose occasione sventate da un Corda in gran giornata e colpendo per 3 volte i legni avversari a dimostrazione di un dominio territoriale abbastanza evidente. Tiscali tinet ha perso il suo uomo più rappresentativo praticamente dopo 4’ di gioco dovendo rinunciare così a quella micidiale arma che tante “vittime” aveva fatto durante il torneo. Da Parte nostra un complimento sentito ad entrambe le squadre che hanno dato vita ad una bella ed avvincente finale degna di questo lungo, e altrettanto bello, torneo.

I SINGOLI

Tiscali tinet
Corda gioca con la giusta concentrazione con cui si affrontano queste gare, ci teneva tanto ( come tutti i giocatori in campo del resto) ma non è stato sufficiente. Come non son bastati il miglior Solina del torneo ed il solito Arca capace, dopo aver corso per Km di riaprire l’incontro all’ultimo secondo dei tempi regolamentari. Buone le prestazioni anche di Pireddu e Catalano.

Team Mossa
Piga e Cocorda si sono alternati nella difesa della loro porta con personalità ed efficacia, come in tutta la seconda parte del torneo. Brunu ( ottime anche le sue incursioni sui calci da fermo) e Deiana sono nelle rispettive zone, insuperabili, le loro condizioni fisiche nella fase finale del torneo, sono fra i segreti della vittoria di questa squadra. Oliva ha giocato una partita di straordinaria quantità e qualità dimostrando di credere fino in fondo nella vittoria finale. Seidita ha retto spesso da solo il peso dell’attacco e anche oggi è stato pericoloso come nei tempi migliori sbloccando la situazione e costringendo la coppia difensiva avversaria a faticare non poco, ha giocato un finale di torneo straordinario dimostrando di essere uno dei migliori giocatori in assoluto. Da non dimenticare l’ottima prova dei Dessì, Podini, Argiolas, Bovo, Firinu, Paolantoni e scusate se scordo qualcuno.

Complimenti a Team Mossa vincitrice del Maracanà 2006/07. 

Ciao e grazie a tutti!!!

Lucas
23/05/2007
10:58
Amigos de TiNet: desde la Argentina, un abrazo grande para todos los compañeros de escuadra, que han estado jugando todo el torneo con coraje.
Una pena el resultado final, pero el record no deja de ser bueno. Abramo, jugador de la partida, tu juego ha mejorado notablemente desde que comiste carne en Argentina, bravissimo!!!!
Walter, una pena tu contractura, espero que no sea nada importante y puedas volver a hacer goles pronto, el equipo te necesita!!!!
Y Ruben, qué vamos a hacer.... será la próxima, que no hay dos sin tres!
Abrazo a todos, perdon por escribir en castellano pero estoy un poco vago.
Abramo
23/05/2007
12:39

hola Lucas...
abbiamo provato in tutti i modi... ma la bravura degli avversari e un pizzico di sfortuna alla fine hanno fatto la differenza..
Nonostante tutto non ci abbattiamo e siamo pronti a tornare carichi per il Torneo del prossimo anno!
Sarebbe bello poter riavere tra noi il Lucas dei vecchi tempi… ci sarebbe d’aiuto..!!
Che altro dire Amigo dell’alma.. è bello sapere che continui a seguirci anche dall’Argentina, se decidi di tornare abbiamo sempre una maglietta in più!


Un abrazo da parte di tutti
Abramo

Dante
23/05/2007
13:29

Buongiorno a tutti,

avrei dovuto/voluto commentare la finale di ieri ma un importante impegno alternativo me lo ha impedito. Provo a farmi perdonare con un intervento generale sul torneo e sulla premiazione di ieri.

L’edizione di quest’anno ha visto l’ingresso nella grande famiglia ALAN di qualche nuova squadra. Qualcuna è stata conquistata subito da ambiente e persone e ha naturalmente lei stessa conquistato le altre, qualcun’altra ha faticato un po’ di più forse per timidezza o indole professionale, ma alla fine ha compreso quale fosse lo spirito di ALAN e cioè socializzare, conoscersi, apprezzarsi, scambiare idee e crescere con la scusa del calcio a 7.

Ora che tutto è finito e c’è un vincitore lo posso dire, sono felicissimo di aver potuto conoscere quest’anno persone come Antonio Pibiri (Provincia), Ivan Altea (Università), Antonello Montis (PolPen), Angelo Porricino (Capitaneria) e compagni.

Che dire delle riconferme, partendo dal mio tanto caro amico Paolone Todde (PFM), passando per il prossimo sposo Andrea Lussu (Bridgestone) che ho scoperto essere poco romantico, fino al simpaticissimo Danilo De Gregorio (Blues) che ancora manda segnali d’amore all’indimenticato Graziano Firinu (Team Mossa) e che “soffre assai” per il suo Napoli. Poi ci sono Massimo Fontana (Team Mossa) che non è solamente grande per dimensioni e che ha confessato cose sconce sulla sua infanzia, Cristiano Montis (Servizi Stampa) e i suoi inseparabili supertifosi sempre invitanti sullo sfotò, Enrico Tarquini (Telecom) che siamo riusciti a far diventare un angioletto, Ignazio Ortu (Sa Oghe) con il quale si parla anche di lavoro, Vaccargiu Senior and Junior, Orazio Limbardi e il mio omonimo Ricci (Poste) che mi fanno davvero morire quando si arrabbiano, Andrea Pinzuti (GDF) che incarna il papà premuroso e orgoglioso che tutti vorremmo diventare, Pier Luigi Massa (Sirti) che adora Abramo ma che scherza volentieri anche con me, il giovane Maurizio Tola (TIM) che mi fa ridere perché continua ad essere giovane (e bravo) da 3 anni a questa parte, e Anselmo Schirru (Vigilanza Sardegna) che è lo sponsor ufficiale del liquido antigelo nelle fredde serate di cronaca e che avremmo voluto vedere seduto di fianco a noi per tutto l’anno.

Mancano i cugini e i miei. Sui cugini posso dire che ci vediamo tutti i giorni e quindi più che un progressiva conoscenza c’e’ un odio crescente. Scherzo ovviamente, non c’è molto da dire sul rapporto che c’è tra tutti i ragazzi di Tiscali, azienda giovane per storia (stiamo per festeggiare i 10 anni) e come avete avuto modo di vedere anche per personale. Più che una famiglia noi siamo i fratelli minori e uniti della famiglia e oltre che a perdere le finali (scusate, non ho resistito), le semifinali (ops, di nuovo) e i quarti (sigh!), ci piace tanto fare casino, divertirci e consumare le birrette al campo, vero Miguel (sostenitore di tutte e tre le squadre Tiscali)! Sui miei compagni dico che finalmente siamo riusciti a fare un torneo divertendoci in campo e negli spogliatoi, giocando a calcio. Contentissimo dei nuovi innesti Mascia, Nigol e Zucca, un po’ deluso da qualcun altro e triste calcisticamente ma felice per lui per la partenza di Peppe Fois. Migliore dei miei e candidato a giocatore più simpatico del torneo Ivan Sideri, un piccolo grandissimo adorabile ragazzo. A proposito se qualcuno gli trova una donna…

In questa cornice il torneo a mio modo di vedere è arrivato alla fine alla grande, se penso a quando Angelo ci ha consegnato il calendario (con dentro partite a Natale, Capodanno e Pasqua) mi vengono i brividi. Eppure è filato liscio e in fretta tant’è che sembra di aver iniziato ieri. Il livello tecnico secondo me si è alzato, si è visto l’agonismo ma si sono viste tante strette di mano, tanti abbracci, tante sane prese in giro e tanti, tanti sorrisi. Questa è una vittoria dell’organizzazione ma soprattutto di tutte le squadre ed in particolare dell’intelligenza e della sana cultura di ogni singolo giocatore.

Poi c’è stata la vittoria sul campo, quella di Team Mossa, che è stata secondo me ampiamente meritata. Prima squadra a fermare Bridgestone nella regular season, ha trovato il modo di fermare Challenge nei quarti (nulla di geniale, ma sono riusciti a fermare Riva bloccando così il gioco della squadra), tattica impeccabile in semifinale con Bridgestone (e 2!) e infine tanto cuore e squadra ieri. Un plauso, bravi per esserci riusciti e bravi per aver capito che in competizioni come queste non servono solo le gambe i muscoli e il talento, ma a mio modo di vedere la testa fa il 70% del risultato. Oliva, Deiana e Seidita ci hanno messo tecnica e talento, Dessi, Argiolas, Paolantoni, Cocorda ci hanno messo i muscoli, Fontana e Podini la testa (bravi!). Firinu non so che cosa ci ha messo, diciamo la simpatia! Scherzo, ricordiamo che il bravo Graziano si è pure concesso il lusso di un cucchiaio a un parente stretto!

Ci sono poi stati i premi individuali. Dal più prestigioso, il miglior giocatore che è finito a Meloni (Bridgestone) che se l’e’ giocato fino all’ultima giornata con altri pochi atleti che tutti vorremmo avere in squadra (io uno ce l’ho e si chiama Mauro Riva sul quale non ho nulla da dire tecnicamente perché preferisco dire che sono sicuro che al secondo anno sia stato conquistato definitivamente dal torneo) al capocannoniere Walter Ciancilla (Tinet) che se lo vedi in giro te lo porteresti al bar per un paio di birrette, ma se lo vedi in campo ti spaventa. Il miglior Mister Cristiano Montis che nonostante qualche sclero e tanta sofferenza per non poter giocare è capace di dare una carica ai suoi da far paura, il miglior giocatore Over 40 Montis (PolPen) che ha un missile nella scarpa sinistra e che se ne frega dei dolori giocando (come un ragazzino) spesso con infiltrazioni, il miglior portiere Prudenti (Capitaneria) che ti ipnotizza quando te lo trovi davanti e che fa a gara col ALAN (il gatto rosso mascotte del campo) per chi è più felino sul terreno verde. Ci sono stati poi i premi speciali alla miglior Difesa (Bridgestone), alla passione per Pietro Vaccargiu (Poste) e per Luigi Durzu (Provincia) perché il giocatore con più esperienza.

Infine la festa. Bello vedere le generazioni attuali che mangiano panini e pizzette ma soprattutto la presenza di tante belle mogli/fidanzate che accompagnano gli atleti, c’è chi è orgogliosa, chi festeggia e chi è triste e preoccupata per il resto della serata (vero Patrizia?). Ci sono i bambini, timidi o estroversi ma sempre protagonisti. Oggi come spettatori domani come calciatori speriamo della anch’essi della grande famiglia ALAN…

Grazie a tutti,
se vedemmu
Dante

Claudio
23/05/2007
19:49
Finalmente il grande giorno è arrivato, ci sono voluti 2 anni di attesa, ma alla fine la coppa l'abbiamo alzata noi!!!!!!!!! GRANDI.
In noi non ha creduto nessuno perchè tra alti e bassi conducevamo un torneo di secondo piano, invece noi di contro da ogni partita persa facevamo tesoro degli errori trasformandoli in sicurezza, si consapevolezza di avere trovato quell'equilibrio mentale e fisico che ci ha condotto sino alla finale......... NOI CI CREDEVAMO SIN DALL'INIZIO e SOPRATUTTO QUANDO I PRONOSTICI CI DAVANO PER PERDENTI, CHE DIRE RINGRAZIO TUTTI I MIEI COMPAGNI DAL PRIMO ALL'ULTIMO PER AVERMI REGALATO UNA STAGIONE INDIMENTICABILE, MA SOPRATUTTO RINGRAZIO IL MISTER FONTANA PER AVER CREDUTO IN ME E NELLE MIE CAPACITA' QUESTA VITTORIA E PER TE.
Naturalmente un saluto va agli avversari di Tiscali che non hanno mollato sino alla fine tenendoci sulle spine sino ai rigori, cmq sia forse è stata una bellissima finale corretta è giocata alla grande; mi spiace di non aver fatto goal ad abramo e tunnel a nicola.........pazienza sarà per l'anno prossimo.
un saluto a tutti e FORZA TEAM MOSSA............................................     
Tuo Fratello!!!!
24/05/2007
18:25
Ciao Claudio.
Complimenti a te e a tutti gli  amici  e colleghi del TEAM MOSSA.
Bravi..............


ALE.
I 2 mink....
26/05/2007
11:39
Grandissimo Cocorda sei il ns. mito ed anche a 43 anni  sei sempre magico come col Barcanova.

Un abbraccio fortissimo da ki sai tu  !!!  

(l'olandese volante e l'ovadese pesante)
©2004-2021 Alberto Tiddia - Riproduzione vietata.