Elenco Tornei
Storico Tornei
InterAziendale 2016/17
Open 2016/17
Dati Torneo
 Riepilogo
 Calendario
 Classifica
 Marcatori
 Disciplina
 Fair-Play
 Squadre
 Qualificate
 Comunicati
 Il Punto
 Regolam. e Formula
 Campi
 Premiazioni
 Statistiche
 Best Player
 Video
 Area Riservata
Convenzioni
No banner in farm
Informazioni
 Chi Siamo
 Contattaci
 In caso d'infortunio
 Arbitri MSP
 Smartphone
 Convenzioni
 Modelli Vari
 Previsioni Meteo
 Archivio Pagine
Cerca
MARACANA' 2007/08 REGOLAMENTO
REGOLAMENTO:

MODALITA' DI PARTECIPAZIONE:
Il Maracanà è un torneo a carattere interaziendale, dove ogni responsabile di squadra deve, attraverso la dovuta documentazione (tessere o badges dei singoli lavoratori o ancora certificato di servizio controfirmato da responsabile dell'azienda o Cral partecipante) dimostrare l'effettiva appartenenza del proprio giocatore in elenco alla rispettiva azienda, ente, arma o quant'altro.
Gli elenchi di iscrizione (scaricabile sul sito nella sezione Modelli Vari) debbono essere composti da un numero minimo di 12 elementi, e debbono comprendere anche quei dirigenti o allenatori che dovranno entrare sul terreno di gioco. Non è consentito a nessun altro l'ingresso all'interno del rettangolo di gioco. La lista è aperta ad eventuali incrementi sino la 3a giornata e verrà riaperta dalla 9a alla 13a giornata per eventuali altri inserimenti (massimo 3). Le liste a quel punto verranno "congelate" e non verrà più consentito alcun inserimento (se non in casi particolari come trasferimenti in massa o situazioni simile che l'organizzazione si riserva comunque di valutare), onde evitare lo stravolgimento delle squadre nelle fasi decisive.
Alantornei, associazione sportiva organizzatrice, per agevolare e semplificare il completamento di un lista sufficientemente adeguata ad un torneo lungo ben otto mesi, consente il tesseramento di uno o più portieri esterni (non possono assolutamente giocare in altri ruoli) e/o il tesseramento di un figlio di dipendente dell'azienda stessa, purchè maggiorenne.
Il torneo parte con una prima fase strutturata in 2 gironi denominati 1a e 2a divisione dove la distribuzione delle squadre è stata effettuata tenendo conto delle potenzialità delle squadre stesse e della loro età media, per cercare di equilibrare al massimo le gare all'interno dei gironi stessi e che è stata votata all'unanimità nell'assemblea con i responsabili del 1 ottobre scorso.
Dopo la prima fase a due gironi all'italiana di sola andata (13 gare per squadra), avverrà la seguente suddivisione:

  • Le prime 10 classificate della 1a divisione formeranno quello che verrà definito il TOP 10.
  • Le ultime 4 della 1a divisione e le prime 5 della 2a divisione formeranno il GIRONE A.
  • Le ultime 9 squadre della 2a divisione formeranno il GIRONE B.

QUALIFICAZIONE AGLI OTTAVI DI FINALE:
Questi dunque, i 3 gironi formati dopo la prima fase:

  • TOP 10 (10 squadre)
  • GIRONE A (9 squadre)
  • GIRONE B (9 squadre)

Ogni girone si giocherà con formula all'italiana e partite di sola andata, al termine del quale:
Le prime 8 squadre del TOP 10 - le prime 6 squadre del GIRONE A - le prime 2 squadre del GIRONE B formeranno il quadro completo delle squadre qualificatesi agli ottavi di finale come da tabellone illustrato nella sezione Qualificate.

PARITA' FRA SQUADRE NELLE FASI DI QUALIFICAZIONE:
In caso di parità fra due squadre nelle fasi eliminatorie, sia nella prima con i due gironi che nella seconda con tre gironi, avrà il piazzamento migliore la squadra che:

  1. ha vinto lo scontro diretto
  2. ha la migliore differenza reti
  3. ha segnato più reti
  4. si procede ad un sorteggio

N.B. In caso di più squadre a pari punti si stilerà la classifica avulsa, e cioè una classifica punti e differenza reti che tenga conto esclusivamente degli scontri diretti fra le tre o più squadre e le reti segnate solo ed esclusivamente in quelle gare.
In caso di parità nella fase finale ad eliminazione diretta (da ottavi di finale in poi) al termine del tempo regolamentare, le due squadre andranno a battere 3 rigori ciascuna, se al termine dei 3 rigori il risultato di parità persiste, si andrà avanti ad oltranza.

NORME ELEMENTARI PER UNA CORRETTA PARTECIPAZIONE AL TORNEO:
I giocatori devono essere muniti di certificato medico agonistico, inoltre tutti coloro che effettueranno la visita dopo il giorno 1 ottobre 2007 debbono consegnarci il certificato medico originale o in alternativa farsi rilasciare dal centro medico una copia conforme (timbrata e firmata dallo specialista) che ci verrà consegnato al posto dell'originale. La consegna dei certificati deve avvenire dal responsabile della squadra al Presidente dell'associazione o al cronista presente delegato al ritiro.
I giocatori che non fossero certi della data di scadenza, la possono chiedere all'organizzazione che gliela comunicherà in tempi brevissimi ma si consiglia di non scendere in campo se non si ha la certezza della copertura. Infatti, i giocatori che dovessero scendere in campo senza questi requisiti, procureranno alla propria squadra la sconfitta 0-3 a tavolino. Il reiterarsi di questi atteggiamenti può portare all'esclusione della squadra stessa dal torneo.
Tutti i soci, anche dirigente/allenatori non giocatori che debbono entrare ai bordi del campo, devono essere assicurati da MSP. Le aziende che ritengono di poter tutelare i loro atleti con la propria Assicurazione (vedi Telecom e Saras) dovranno rilasciarci un documento che liberi la nostra associazione da qualsiasi responsabilità di fronte ad incidenti sul terreno di gioco.
Ogni squadra dovrà prima dell'inizio di ogni gara aver compilato e consegnato all'arbitro la lista MSP (scaricabile sul sito nella sezione Modelli Vari). E' importante che ogni giocatore si porti appresso il documento che ha indicato nella lista, in quanto può essere richiesto dall'arbitro.
Le squadre per poter disputare l'incontro dovranno scendere in campo con almeno 5 elementi, si può chiedere perciò all'arbitro, in attesa del quinto elemento, non più di 5' di attesa prima dal fischio di inizio. Ricordiamo che la squadra che non si presenterà all'incontro o non avrà il numero minimo dei giocatori, oltre allo 0-3 a tavolino avrà un punto di penalizzazione in classifica.
- La squadra che non si presenterà col numero minimo di giocatori per 3 volte verrà automaticamente dichiarata esclusa dal torneo, e tutte le squadre che dovranno incontrarla nelle successive gare, avranno la vittoria a tavolino per 3-0. Questi risultati avranno valore effettivo anche per la differenza reti.

SANZIONI DISCIPLINARI:
Il giocatore che accumula 3 ammonizioni verrà automaticamente squalificato per una giornata, anche in caso di mancata pubblicazione sul sito. Se un giocatore viene espulso, salta automaticamente 1 giornata, anche in caso di mancata pubblicazione sul sito e mantiene la situazione ammonizioni precedente. Nei casi più gravi potrà essere sancita una squalifica più consistente, dalla commissione disciplinare che ricordiamo essere composta dall'arbitro della gara e dai componenti l'organizzazione. In questo caso la sanzione viene immediatamente comunicata sul sito.
Alla fine di ogni fase di qualificazione (sia a quella con due gironi che a quella con tre) la situazione ammonizioni verrà azzerata. Restano da scontare le squalifiche per eventuali espulsioni e quelle dettata da la terza ammonizione eventualmente subita nell'ultima gare del girone stesso.
La squadra che effettua una variazione nella numerazione dei singoli giocatori, è pregata di comunicarlo tempestivamente, oltre che nella lista MSP da consegnare all'arbitro, anche all'organizzatore di turno presente alla gara, il quale aggiornerà la propria lista funzionale alla cronaca. La mancata comunicazione della variazione di maglia, il presentarsi in ritardo, senza pallone (misura 4) o con pallone non gonfio, causerà alla squadra la perdita di 1 punto nella classifica disciplina.
- In caso di maltempo le squadre si debbono presentare al campo (sempre con almeno 5 giocatori) in quanto solo l'arbitro e l'organizzazione potranno stabilire le reali condizioni del terreno di gioco e decidere per un eventuale rinvio.

CALENDARIO:
Il calendario pubblicato da lunedì 8 ottobre 2007 è da ritenersi ultimo e definitivo, e solo problematiche che coinvolgono l'organizzazione o eventi di particolare gravità giustificheranno una variazione dello stesso.

REGOLE CALCIO A 7:
Il gioco del calcio a 7, non avendo una sua federazione ufficiale, si presta spesso ad interpretazioni. In questo paragrafo elenchiamo brevemente le regole che caratterizzano il nostro calcio a 7 e sono:

  • L'incontro è formato da due tempi da 25 minuti ciascuno con un intervallo di 5 minuti.
  • Il time-out sarà disponibile nelle gare ad eliminazione diretta e sarà uno per squadra
  • La rimessa dal fondo viene effettuata dal portiere con le mani, può superare la metà campo ma deve raggiungere un compagno posto fuori dall'area di rigore
  • La rimessa laterale viene effettuata coi piedi, che debbono stare oltre la linea laterale con il pallone immobile sulla linea
  • Il cavo d'acciaio sito in alto in mezzo al campo non fa parte del terreno di gioco, chi dovesse mandarci la palla contro, darà agli avversari una rimessa laterale all'altezza del punto in cui lo stesso è stato colpito
  • Il giocatore espulso non può essere sostituito e la squadra termina l'incontro con l'uomo in meno
  • I cambi sono illimitati come nel calcio a 5. Il giocatore che subentra per entrare nel rettangolo di gioco deve attendere l'uscita del compagno e fare il suo ingresso in prossimità del centrocampo
  • Nei calci di punizione la distanza della barriera dal pallone deve essere di 7 metri
  • Tutte le altre regole, fuorigioco escluso, sono quelle del calcio a 11.
  • Le porte dei due impianti che ospiteranno il Maracanà sono larghe rispettivamente 4,20m alla Ferrini Cagliari e 5,00m in via Newton, misure che comunque rientrano fra il valore minimo e massimo delle porte dei vari impianti nella nostra città e del circondario, e debbono dunque ritenersi regolari.

Non è consentita l'entrata in scivolata anche quando si ritiene di essere in vantaggio sull'avversario. Il tutto per tutelare al massimo l'incolumità degli atleti stessi. Tale intervento dovrà essere punito con un calcio di punizione e sensibilizzeremo al massimo i direttori di gara in questo senso. Ma se questo non avvenisse, in quanto l'arbitro in piena autonomia può decidere di lasciar correre, CHIEDIAMO AI NOSTRI SOCI PER I MOTIVI SOPRACITATI DI EVITARE QUALSIASI INTERVENTO POSSA METTERE A RISCHIO L'INCOLUMITA' DI UN'ALTRO SOCIO.
Casistiche particolari non contemplate in questo breve regolamento, e che dovessero presentarsi durante il torneo creando un contenzioso, verranno affrontate volta per volta dall'organizzazione a cui spetta la decisione finale che dovrà essere rispettata da tutte le squadre partecipanti.

RICORSI:
Eventuali ricorsi dovranno essere inoltrati dai rappresentanti delle squadre attraverso una email inviata entro 48 ore dall'episodio contestato ad: angelo@alantornei.com ed alberto@alantornei.com

©2004-2020 Alberto Tiddia - Riproduzione vietata.